Specializzata da oltre trent’anni nella progettazione e commercializzazione di macchine e sistemi per il processo di caffè, STA Impianti vanta altresì un’esperienza di lungo corso sotto il profilo della sostenibilità. Da sempre attenta al risparmio energetico, l’azienda bolognese oggi si rinnova con una linea di torrefattrici ancora più performanti, tecnologiche e a ridotto consumo di energia.

When less is best

Da sempre STA Impianti produce macchine con camere di combustione totalmente in acciaio resistente al calore. A seguito dell’ultimo upgrade tecnologico è stata completamente rimossa la fibra ceramica, utilizzata per isolare termicamente la camera di combustione a protezione degli operatori nel rispetto delle norme di sicurezza. STA ha deciso di implementare questa evoluzione a seguito di attenti studi, poiché essa garantisce eccellenti risultati ed una flessibilità di tostatura mai raggiunta fino ad oggi. Tale scelta innovativa consente di mantenere elevati standard di sicurezza operativi e differenzia l’azienda da quanti ancora utilizzano materiali isolanti quali cemento, mattoni refrattari, fibra ceramica o altri prodotti analoghi, che potrebbero rilasciare residui dannosi. La strada scelta da STA consente di migliorare la qualità del caffè sia dal punto di vista organolettico che dal punto di vista della sicurezza.

Risparmio certificato per il cliente e per l’ambiente

Sono numerosi i clienti che già utilizzano la soluzione proposta da STA, grazie alla quale hanno considerevolmente migliorato l’omogeneità di tostatura e la resa, diminuendo di fatto in modo significativo i tempi di preriscaldo e tostatura, con un notevole guadagno in termini di energia elettrica impiegata, di gas e di manodopera dell’operatore. L’utilizzo delle ultime torrefattrici STA consente un risparmio globale di energia di impiego valutabile tra il 20 e il 25% rispetto agli impianti comunemente in commercio. Tali dati sono costantemente verificabili dai contatori di energia elettrica, gas e tempo, che vengono installati sulle torrefattrici, e che vengono poi registrati nella scheda di lavorazione del prodotto. Grazie a questa evoluzione tecnologica il cliente ha quindi la possibilità di ottenere un prodotto qualitativamente migliore, non contaminato da residui di materiali inquinanti o da emissioni dei ricircoli di combustione, potendo inoltre di conoscere in tempo reale gli elementi utili per determinare il costo di trasformazione.

Non solo hardware

Alle novità meccaniche si affiancano quelle software, che permettono il controllo completo di tutti i parametri della torrefattrice, attraverso molteplici possibilità di personalizzazione e tramite l’implementazione di specifiche interfacce per la gestione dell’impianto. Il software sviluppato da STA, coadiuvato da componenti elettroniche di ultima generazione, consente la tracciabilità e l’auto-generazione dei lotti di produzione, attraverso la comunicazione della macchina con il database gestionale aziendale. Questo, consente di avere in maniera immediata i dati di produzione e delle rimanenze di magazzino, cosi come i dati dal laboratorio per il controllo del caffè in arrivo, rendendo di fatto possibile una gestione in remoto e in tempo reale dell’impianto, all’insegna dell’efficienza e della qualità del prodotto.

STA Impianti, azienda bolognese specializzata nella progettazione e costruzione di macchine e impianti per la tostatura di caffè, lancia sul mercato RBL 15, unità tecnologicamente evoluta pensata per la torrefazione di Specialty Coffee, lotti di produzione ridotti o come macchina da laboratorio.

Piccole dimensioni, grande tecnologia

RBL nasce in risposta alle esigenze di laboratori e torrefazioni di piccole / medie dimensioni, fungendo come unità per la tostatura di piccoli lotti di caffè o, in alternativa, come piattaforma per lo sviluppo di curve di tostatura da replicare su macchine di maggior capacità produttiva. RBL è quindi in grado di realizzare lotti “pilota”, testando le condizioni ottimali per la tostatura di differenti tipologie di caffè, così da predisponerre i parametri per trattare medi o grandi lotti produttivi su macchine di maggior capacità, quali le serie Futura e Millenium prodotte dalla stessa STA. Al contempo, la macchina è ideale per la realizzazione di “Speciality Coffee”, prodotti di altissima qualità destinati a nicchie di mercato o per il “micro roasting”, realizzazione di piccoli lotti da parte di torrefazioni con esigenze produttive contenute. RBL è progettata ed assemblataseguendo gli stessi requisiti di affidabilità e sicurezza che caratterizzano le più grandi e sofisticate torrefattrici per la produzione industriale realizzate da STA, caratteristiche che hanno fatto dell’azienda un fornitore riconosciuto in ambito internazionale.

Tecnologia sviluppata in base alle esigenze della torrefazione

La flessibilità, insita nel DNA degli impianti STA, è una caratteristica distintiva anche di RBL, che oltre a poter efficacemente supportare le esigenze di diverse tipologie di torrefazioni, è configurabile con una serie di gruppi in grado di incrementarne le potenzialità. Tra gli altri, un contatore per il consumo di gas, in grado di fornire in tempo reale precisi valori sul rendimento energetico, software di controllo per l’impostazione dei parametri ottimali e inverter per il controllo e la regolazione della velocità nella fasi di rotazione del tamburo e aspirazione del calore. Tra le torrefazioni che hanno già deciso di dotarsi di RBL rientrano Caffè Morettino, Dicaf e Caffè Griso. La macchina fornita a quest’ultima torrefazione è una RBL15 in versione speciale, configurata per tostare un’ampia varietà di caffè, compresi quelli di alta qualità, in un range che va dai 2 ai 19 chilogrammi. Si tratta di un’unità in grado di coadiuvare efficacemente lo staff di Griso nella ricerca della tostatura perfetta: un’operazione che, date le caratteristiche sempre dissimili del prodotto d’origine richiede non soltanto una tecnologia perfettamente a punto, ma anche una grande flessibilità gestionale.

È la storia di una passione, prima che di un successo professionale, quella tra STA Impianti, azienda bolognese specializzata nella progettazione e costruzione di impianti per la tostatura, e la torrefazione brianzola “Griso”. Passione per il caffè e per come questo va selezionato, trattato e poi consumato. Da quasi trent’anni le due aziende hanno in essere un sodalizio che vede la prima fornire alla seconda sistemi per la tostatura, contribuendo a realizzare un caffè di grande qualità, pluripremiato.

STA e Griso: una partnership di lungo corso

Sono passati 28 anni da quando i cammini professionali STA Impianti e Griso Caffè si sono incrociati; un incontro propiziato dalla passione per il caffè e da una perfetta identità di vedute. Le due aziende hanno infatti molto in comune: sono entrambe affermate nei rispettivi ambiti di competenza e possono vantare un know how di lungo corso. STA vanta un ricco portafoglio di macchine e sistemi per la tostatura ed esprime competenze meccaniche di primo piano, grazie anche a un DNA che ha radici nel distretto dell’automazione emiliano-romagnola, mentre Griso è sinonimo di qualità nel settore del caffè, avendo accumulato un’ampia serie di riconoscimenti nel corso dei decenni. Non a caso Antonio Biscotti, titolare e socio dell’azienda assieme a Claudia Balzan, è costantemente impegnato in numerosi progetti di formazione in Italia e all’estero, per trasmettere il proprio know-how a chi desideri intraprendere una carriera nel settore, o anche solo a chi condivida la sua passione per il caffè.

L’esigenza di partenza: maggiore flessibilità per la tostatura

«STA – dice Biscotti – ha saputo supportarci fin dall’inizio nella nostra attività, coadiuvandoci e accompagnandoci nel processo di modernizzazione che il nostro settore ha vissuto e sta vivendo. Se trent’anni fa si lavorava in maniera empirica, basandosi molto sui propri sensi, oggi la tostatura è diventato un processo molto più scientifico, in cui la tecnologia la fa da padrone. Diventa quindi sempre più importante avere un partner tecnologico di fiducia, che abbia non solo competenze tecnologiche di primo piano, ma anche esperienza nel trattare il prodotto. Per noi, tale partner è STA Impianti». L’azienda emiliana ha recentemente fornito a Griso una nuova macchina per la tostatura del caffè, basata su una delle piattaforme STA più apprezzate dal mercato e allestita per rispondere in maniera specifica alle rinnovate esigenze produttive della torrefazione brianzola.

Tecnologia sviluppata in base alle esigenze della torrefazione

La macchina fornita a Griso è una RBL 15 in versione speciale, configurata per tostare un’ampia varietà di caffè, compresi quelli di alta qualità, in un range che va dai 3 ai 19 chilogrammi. Si tratta di un’unità in grado di coadiuvare efficacemente lo staff di Griso nella ricerca della tostatura perfetta: un’operazione che, date le caratteristiche sempre dissimili del prodotto d’origine (è quasi impossibile che due diverse partite dello stesso caffè siano uguali) richiede non soltanto una tecnologia perfettamente a punto, ma anche una grande flessibilità. Performance a parte, RBL 15 condivide con il resto della line up di STA le caratteristiche che hanno fatto dell’azienda un fornitore riconosciuto in ambito internazionale, in primis l’affidabilità e l’economia di esercizio.